Croazia! Samobor, 5-11 gennaio 2016, un training dal titolo “Esperiential learning designer”. Sei giorni di lavoro e di apprendimento in un contesto internazionale di giovani provenienti da diverse nazioni: Croazia, Italia, Lituania, Polonia, Romania e Turchia.

Grazie al supporto del programma Erasmus+, 20 giovani hanno avuto l’opportunità di apprendere e creare essi stessi nuovi metodi di non formal learning, apprendimento non formale.

Il lavoro insieme ha supportato la libera espressione dei giovani e la loro creatività, sospingendoli a esaminare i diversi elementi che compongono un progetto. Definiti i bisogni e conseguentemente gli obiettivi, comprendere come poter predisporre un lavoro volto al raggiungimento degli obiettivi.

Sviluppare modalità di pensare e di agire nuove e innovative, grazie anche al confronto con altri e altre realtà.

Gli obiettivi del progetto erano infatti:
• migliorare la comprensione del concetto di “ciclo di apprendimento esperienziale” nei giovani partecipanti;
• imparare ad utilizzare metodi e strumenti non formali, rendendone più efficace l’applicazione;
• prendere coscienza dell’importanza del processo e del suo sviluppo, ottenuto e supportato grazie alla corretta scelta degli strumenti;
• supporto nello sviluppare capacità di auto-apprendimento e miglioramento dell’autostima;
• migliorare le proprie competenze per la preparazione e l’attuazione di progetti basati su apprendimento esperienziale;
• migliorare le conoscenze dei partecipanti su come creare un percorso partendo dalle esigenze del gruppo, considerando anche le capacità, le condizioni e le competenze;
• imparare a mettere a punto un programma in conformità a tali problemi;
• comprendere anche come correggere gli errori in itinere;
• sviluppare una maggiore comprensione dei metodi di apprendimento esperienziale e un approccio attivo e dinamico ai metodi;
I partecipanti hanno imparato come migliorare le proprie capacità e come poterle sfruttare nelle proprie associazioni d’invio, diventando fruitori del programma loro stessi e ora diffusori del programma.


0 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *